+ Elaborazione

+ Trasmissione

PRATICA EcoBonus ENEA

Detrazioni Fiscali | 50% - 65% |

RISPARMIO ENERGETICO

Entro 90 gg dalla fine dei lavori

99 €

IVA INCLUSA

da 59 € INFISSI

PRATICA ENEA | Ecobonus - Risparmio energetico  Detrazioni al 50% - 65% | Comunicazione ENEA

(2018 - 2019) | PORTALE 2020 | in attesa novità

        Per accedere alle detrazioni fiscali inerenti all'ECOBONUS è necessaria la trasmissione di una pratica tecnico-compilativa all'ENEA, la quale identifichi univocamente il tipo di intervento in relazione ai commi, ai limiti ed alle caratteristiche di efficienza richieste per ogni tipo di intervento ammesso.

       La documentazione necessaria per accedere a tali detrazioni fiscali, è costituita da dichiarazioni/collaudi della ditta, schede tecniche degli elementi installati, eventuali garanzie e certificazioni, eventuali schemi d'impianto, eventuali asseverazioni o fine lavori di un ingegnere (D.L o tecnico esterno) nei casi più complessi, e dalle ricevute dei pagamenti effettuate con l'apposito bonifico con ritenuta. La documentazione richiesta può variare in relazione allo specifico caso e può comprendere meno documentazione di quanto sopraindicato, purché sia sufficiente a comprovare il rispetto delle condizioni per usufruire delle detrazioni fiscali.

       La pratica ENEA una volta trasmessa e munita di tutta la documentazione comprovante, ottiene un codice di trasmissione univoco CPID, che verrà utilizzato dal commercialista per consentire di usufruire delle detrazioni fiscali dell'Ecobonus.

       E' importante informarsi sulle possibilità di detrazioni al 50% (dal 2018) -  65%, prima di realizzare lavori, comprare ed installare impianti. Molto spesso, chi vende, sbandiera le detrazioni al 65% anche quando non c'è modo, nel caso specifico, di rientrare in tali detrazioni. Va specificato che alcune condizioni necessarie per accedere alle detrazioni fiscali, non dipendono dal lavoro dell'installatore o dalla prestazione/qualità specifica di quanto installato, ma da condizioni inerenti l'ammissibilità alle detrazioni fiscali, specificate dall'Agenzia delle Entrate.

      Si ricorda che il soggetto che eroga, gestisce e controlla le detrazioni Fiscali è l'Agenzia delle Entrate, e tutta la documentazione inerente e comprovante deve essere conservata a cura del richiedente, almeno per la durata totale della detrazione, di 10 anni.

enea.jpg
COMMI - TIPOLOGIA DI INTERVENTO

344

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA GLOBALE

345a

COIBENTAZIONE

Tetti, Solai, Tamponature

345b

SOSTITUZIONE

Infissi, Finestre

345c

SCHERMATURE

SOLARI

Tende, zanzariere

346

SOLARE TERMICO

347

SOSTITUZIONE

IMPIANTI TERMICI

Caldaie, pompe di calore, biomassa

B.A

INSTALLAZIONE DI SISTEMI DI BUILDING AUTOMATION

OGNI COMMA E' UNA ISTANZA

Requisiti generali dell'immobile | Detrazioni ENEA

 
  1. alla data della richiesta di detrazione, deve essere “esistente”, ossia accatastato o con richiesta di accatastamento in corso;

  2. deve essere in regola con il pagamento di eventuali tributi;

  3. deve essere già dotato di impianto di riscaldamento (caldaia)

  4. in caso di ristrutturazione senza demolizione, se essa presenta ampliamenti, non è consentito far riferimento al comma 344 (Ristrutturazione Globale), ma ai singoli commi 345, 346 e 347 solo per la parte non ampliata.

  5. in caso di distacco dalla caldaia condominiale non è prevista la detrazione per la nuova caldaia autonoma.

DOCUMENTI NECESSARI
Infissi

’A) asseverazione redatta da un tecnico abilitato iscritto al proprio Albo professionale, nella quale deve essere indicato il valore di trasmittanza dei nuovi infissi. In alternativa è sufficiente la certificazione del produttore/installatore.

B) un documento che attesti il valore di trasmittanza dei vecchi infissi sostituiti, asseverato da un tecnico o autocertificato dal produttore/installatore

C) fatture relative alle spese sostenute

D) ricevuta dell’invio effettuato all’ENEA (codice CPID), che costituisce garanzia che la documentazione è stata trasmessa

E) schede tecniche

F) originali inviati all’ENEA firmati (dal tecnico e/o dal cliente)

G) ’- APE NON PIù OBBLIGATORIO

Novità 2020 | Detrazioni ENEA al 50% e al 65%

 

Sulla Gazzetta Ufficiale n. 304 del 30.12.2019 è stata pubblicata legge di Bilancio 2020 (Legge 27.12.2017 n.160) che integra e in parte modifica le condizioni di accesso ai benefici fiscali per l’efficienza energetica degli edifici, in relazione alle spese sostenute dal 1° gennaio al 31 dicembre 2020.

Le principali novità riguardano la riduzione dell’aliquota di detrazione al 50% per:

  • interventi relativi alla sostituzione di finestre comprensive d’infissi,

  •  schermature solari,

  •  caldaie a biomassa

  • caldaie a condensazione, che continuano ad essere ammesse purché abbiano un’efficienza media stagionale almeno pari a quella necessaria per appartenere alla classe A di prodotto prevista dal regolamento (UE) n.811/2013. Le caldaie a condensazione possono, tuttavia, accedere alle detrazioni del 65% se oltre ad essere in classe A sono dotate di sistemi di termoregolazione evoluti appartenenti alle classi V, VI o VIII della comunicazione della Commissione 2014/C 207/02

Resta confermata al 65% l’aliquota per:

  • interventi di coibentazione dell’involucro opaco,

  • pompe di calore,

  • sistemi di building automation,

  • collettori solari per produzione di acqua calda,

  • scaldacqua a pompa di calore,

  • generatori ibridi, cioè costituiti da una pompa di calore integrata con caldaia a condensazione, assemblati in fabbrica ed espressamente concepiti dal fabbricante per funzionare in abbinamento tra loro,

  • generatori d’aria a condensazione.

  • Sono ammessi con la stessa aliquota del 65%, anche i micro-cogeneratori, per una detrazione massima consentita di 100.000 euro.

Restano infine confermate al 70% e al 75% le aliquote di detrazione per:

  • gli interventi di tipo condominiale,

E’ attesa a breve la pubblicazione di uno o più decreti da parte del Ministero dello Sviluppo Economico di concerto con altri ministeri che devono precisare gli aspetti tecnici, procedurali e di controllo.

DOCUMENTI NECESSARI
caldaie

’A) asseverazione redatta da un tecnico abilitato (ingegnere, architetto, geometra o perito iscritto al proprio Albo professionale) attestante i requisiti tecnici. Per potenze nominali inferiori a 100kw, è sufficiente la certificazione dei produttori

B) fatture relative alle spese sostenute con relativi bonifici e ritenuta all'otto percento.

C) ricevuta dell’invio effettuato all’ENEA (codice CPID), che costituisce garanzia che la documentazione è stata trasmessa

D) schede tecniche

E) originali inviati all’ENEA firmati (dal tecnico e/o dal cliente)

 

  a  59 €

tutto incluso

Serramenti ed infissi - Detrazione ENEA - comma 345b

REQUISITI TECNICI SPECIFICI DELL’INTERVENTO:

 
  1. l’intervento deve configurarsi come sostituzione o modifica di elementi già esistenti (e non come nuova installazione).

  2. deve delimitare un volume riscaldato verso l’esterno o verso vani non riscaldati;

  3. deve assicurare un valore di trasmittanza termica (Uw) inferiore o uguale al valore di trasmittanza limite riportato in tabella 2 del D.M. 26 gennaio 2010.

Scuri, persiane, avvolgibili, cassonetti (se solidali con l’infisso) e suoi elementi accessori, purché tale sostituzione avvenga simultaneamente a quella degli infissi (o del solo vetro). In questo caso, nella valutazione della trasmittanza, può considerarsi anche l’apporto degli elementi oscuranti, assicurandosi che il valore di trasmittanza complessivo non superi il valore limite di cui sopra.

Per i serramenti e gli infissi, qualora si abbiano a disposizione le certificazioni del produttore non è obbligatoria l'asseverazione del tecnico, ed il richiedente può a sua completa responsabilità trasmettere il modulo autonomamente e compilare l'allegato F.

DOCUMENTI NECESSARI
pannelli solari

’A) asseverazione redatta da un tecnico abilitato, iscritto al proprio Albo professionale, attestante i requisiti tecnici. 

B) fatture relative alle spese sostenute

C) ricevuta dell’invio effettuato all’ENEA (codice CPID), che costituisce garanzia che la documentazione è stata trasmessa

D) schede tecniche

E) originali inviati all’ENEA firmati (dal tecnico e/o dal cliente)

Caldaie a condensazione, Pompe di calore, Impianti a biomassa Detrazione ENEA - comma 347

REQUISITI TECNICI SPECIFICI DELL’INTERVENTO:

 
  1. l’intervento deve configurarsi come sostituzione totale o parziale del vecchio generatore termico e non come nuova installazione. Non sono agevolabili quegli interventi che prevedono un passaggio da un generatore centralizzato ad uno autonomo.

  2. il nuovo generatore di calore a condensazione può essere ad aria o ad acqua. Inoltre, nel caso di impianto con potenza nominale al focolare minore di 100 kW non è necessaria un'asseverazione tecnica ma sono sufficienti le schede tecniche e le garanzie del produttore.

  3. il generatore di calore deve avere un rendimento termico utile, a carico pari al 100% della potenza termica utile nominale, maggiore o uguale a 93 + 2logPn;

  4. ove tecnicamente compatibili, devono essere installate valvole termostatiche a bassa inerzia termica su tutti i corpi scaldanti. Nell'impossibilità tecnica di installare questi dispositivi, occorre utilizzarne altri con le medesime caratteristiche (ossia di tipo modulante agenti sulla portata). Costituiscono eccezione gli impianti di climatizzazione invernale progettati e realizzati con temperature medie del fluido termovettore inferiori a 45°C;

  5. verifica e messa a punto del sistema di distribuzione. Invece, nel caso di impianti con potenza nominale del focolare maggiore o uguale a 100 kW, oltre ai precedenti requisiti:

  • deve essere adottato un bruciatore di tipo modulante;

  • la regolazione climatica deve agire direttamente sul bruciatore;

  • deve essere installata una pompa elettronica a giri variabili.

 
 

Coibentazione di pareti, tetti, solai e coperture

Detrazione ENEA - comma 345a

REQUISITI TECNICI SPECIFICI DELL’INTERVENTO:

 
  1. l’intervento deve configurarsi come sostituzione, modifica e/o integrazione di elementi già esistenti (e non come nuova realizzazione);

  2. deve delimitare un volume riscaldato verso l’esterno o verso vani non riscaldati;

  3. deve assicurare un valore di trasmittanza termica (U) uguale o inferiore a quello riportato in tabella 2 del D.M. 26 gennaio 2010.

 

Ristrutturazione globale dell'edificio

Detrazione ENEA - comma 344

SINGOLO IMMOBILE SE COSTITUISCE INTERO EDIFICIO

 

Le pratiche ENEA per ristrutturazione possono comprendere un insieme di tutti gli interventi possibili inerenti al miglioramento della prestazione energetica. E' la pratica più complessa ed articolata, ma consente di accedere al valore massimo di 100.000€ di detrazione.

Accedere alla possibilità di utilizzare il comma relativo agli interventi globali non è scontato, poiché ci sono precisi limiti di legge in merito al risparmio energetico ottenuto. Nello specifico è necessario verificare il limite di legge D.M 11/03/2008.

Anche non rientrando nei limiti delle ristrutturazioni globali, è possibile scomporre l'intervento in più pratiche ENEA (infissi, caldaie e pompe di calore, coibentazione, ecc).

Pannelli solari termici - Detrazione ENEA - comma 346

REQUISITI TECNICI SPECIFICI DELL’INTERVENTO:

 
  1. i pannelli solari s’intendono agevolabili per la produzione di acqua calda per usi domestici o industriali e per la copertura del fabbisogno di acqua calda in piscine, strutture sportive, case di ricovero e cura, istituti scolastici e università;

  2. i pannelli solari e i bollitori impiegati devono essere garantiti per almeno cinque anni;

  3. gli accessori e i componenti elettrici ed elettronici devono essere garantiti almeno due anni;

  4. i pannelli solari devono possedere una certificazione di qualità conforme alle norme UNI EN 12975 o UNI EN 12976 rilasciata da un laboratorio accreditato. Sono equiparate alle norme UNI EN 12975 e UNI EN 12976 le norme EN 12975 e EN 12976 recepite da un organismo certificatore nazionale di un Paese membro dell’Unione Europea o della Svizzera (vedasi a tal proposito la faq n°9);

  5. l’installazione dell’impianto deve essere eseguita in conformità con i manuali di installazione dei principali componenti;

  6. nel caso di pannelli solari autocostruiti, in alternativa a quanto disposto ai punti b) e d), può essere prodotto l’attestato di partecipazione ad uno specifico corso di formazione da parte del soggetto beneficiario.

Bonus Building automation 2017 | DOMOTICA 

Detrazione ENEA - comma B.A

La Legge di Stabilità 2016, ha introdotto una nuova detrazione fiscale, chiamata Ecobonus domotica, che prevede la possibilità per i contribuenti di poter portare a detrazione dalla dichiarazione dei redditi, il 65% delle spese per l’acquisto di impianti di building automation.

I contribuenti interessati a fruire del bonus, oggi, possono farlo presentando la domanda bonus domotica all’ENEA, ossia, all’Agenzia nazionale per l’efficienza energetica, che gestisce il bonus Irpef o Ires.

L’agevolazione è concessa per la fornitura e messa in opera nelle abitazioni di dispositivi di domotica, ossia, dei sistemi multimediali che consentono di gestire in automatico e personalizzare il riscaldamento, a produzione dell’acqua calda in casa, i condizionatori, programmando la loro accensione e spegnimento e consumo.

I dispositivi di Building automation, per fruire dell’agevolazione devono:

  • Mostrare i consumi energetici attraverso app, tramite la lettura periodica dei dati

  • Mostrare il funzionamento degli impianti e indicare la loro esatta temperatura; 

  • Consentire l'accensione, lo spegnimento e la programmazione settimanale degli impianti da remoto. 

Nella detrazione 65% sulle spese di acquisto di dispositivi multimediali per il controllo da remoto degli impianti elettrici, sono agevolabili anche i seguenti interventi:

  • Spese per l’acquisto e l’installazione di tutte le apparecchiature elettriche, elettroniche e meccaniche, purché relative all'intervento di building automation:

  • Lavori elettrici e opere murarie per far funzionare a regola d’arte i sistemi di automazione per gli impianti termici negli edifici. 

Qualora però, i dispositivi multimediali, siano installati insieme ai pannelli solari, la relativa spesa rientra nel valore massimo di detrazione già previsto. Non sono, invece, agevolabili le spese per l’acquisto di dispositivi che consentono il controllo da remoto con gli apparecchi, come ad esempio telefoni cellulari, tablet pc.

Detrazione 65% domotica 2017 documenti necessari da conservare:

  • Asseverazione redatta da un tecnico abilitato, attestante i requisiti tecnici richiesti, o in alternativa, la certificazione del produttore del dispositivo che contenga un’analoga attestazione.

  • Schede tecniche;

  • Allegato E o F del “decreto edifici” in originale inviato all’Enea, firmato dal tecnico o dal cliente; 

  • Fatture spese;

  • Ricevuta dei bonifici bancari o postali, modalità di pagamento obbligatoria se chi fruisce della detrazione è una persona fisica. Nella causale del bonifico, deve essere indicato il riferimento alla Finanziaria 2007, il numero della fattura e la relativa data di emissione, i dati di chi chiede la detrazione e del beneficiario del bonifico.

  • Ricevuta dell’avvenuta trasmissione telematica della documentazione a ENEA, codice Cpid. Per chi spedisce i documenti tramite raccomandata, allegare la ricevuta della raccomandata.

Come fare i pagamenti | Detrazioni ENEA | BONIFICO RITENUTA

       Le modalità per effettuare i pagamenti variano a seconda che il soggetto sia titolare o meno di reddito d’impresa. In particolare è previsto che:

- i contribuenti non titolari di reddito di impresa devono effettuare il pagamento delle spese sostenute mediante bonifico bancario o postale

- l’obbligo di effettuare il pagamento con bonifico è espressamente escluso per i contribuenti esercenti attività d’impresa in quanto il momento dell’effettivo pagamento della spesa non assume alcuna rilevanza per la determinazione di tale tipologia di reddito.

      Ai fini del reddito d’impresa, infatti, vale la regola secondo cui il momento di imputazione dei costi si verifica, per i servizi, alla data in cui sono ultimate le prestazioni e, per i beni mobili, alla data di consegna o spedizione, salvo che sia diversa e successiva la data in cui si verifica l’effetto traslativo

      Nel modello di versamento con bonifico bancario o postale vanno indicati:

- la causale del versamento

- il codice fiscale del beneficiario della detrazione

- il numero di partita Iva o il codice fiscale del soggetto a favore del quale è effettuato il bonifico (ditta o professionista che ha effettuato i lavori).

       La ritenuta sui bonifici, pari all'8%, si applica al momento del pagamento da parte del contribuente che intende avvalersi della detrazione, le banche e le Poste Italiane Spa devono operare una ritenuta a titolo di acconto dell’imposta sul reddito dovuta dall’impresa che effettua i lavori.

La base di calcolo su cui operare la ritenuta è l’importo del bonifico diminuito dell’Iva.

       La stessa Pratica ENEA, può essere pagata tramite bonifico con ritenuta, ed aggiunta all'importo in detrazione.

La ritenuta non deve essere operata quando il pagamento può essere effettuato con modalità diverse dal bonifico (assegno, vaglia, carta di credito).

I NOSTRI SERVIZI

ELABORAZIONE, ASSEVERAZIONE E TRASMISSIONE PRATICHE ENEA

 

- Tutte le richieste di trasmissione ENEA vengono vagliate in relazione alla documentazione per valutarne la fattibilità e la completezza documentale.

- Tutta la documentazione comprovante è da conservarsi a cura del cliente in caso di controllo dell'Agenzia delle Entrate.

- Il prezzo indicato vale in linea di massima per i singoli interventi, quali la sostituzione dell'impianto di riscaldamento, degli infissi o per interventi di coibentazione. Interventi che sono al limite degli importi  del comma di riferimento, potrebbero corrispondere ad un aumento dell'onorario a seconda della complessità.  

- Gli interventi di ristrutturazione globale (che includono più categorie di intervento e la possibilità della massima detrazione di 100.000€) necessitano di preventivo e non rientrano nella tariffa indicata, poiché necessario un calcolo di verifica apposito.

Contatto
Contatto
Contatto
  • LINKEDIN | PRATICHE EDILIZIE ROMA
  • FB | PRATICHE EDILIZIE ROMA
  • PRATICHE EDILIZIE ROMA | PINTEREST
  • PRATICHE EDILIZIE ROMA | GOOGLE
  • PRATICHE EDILIZIE ROMA | YELP
  • TWITTER | PRATICHE EDILIZIE ROMA
  • YOU TUBE | PRATICHE EDILIZIE ROMA

TEL.        06 211 280 96

EMAIL      info@praticheEdilizieRoma.com

FAX.         06. 21113746

P.IVA        IT13637311005

Solo su

appuntamento

PRATICHE EDILIZIE ROMA

ING. PETROVAI OCTAVIAN

Viale Castro Pretorio 58, 00185, ROMA

TERMINI | CASTRO PRETORIO