Occupazione

SUOLO PUBBLICO

manifestazioni, feste, sagre

ROMA 
S.U.A.P
da

99 €

+ diritti d'istruttoria
fino a 10mq

Concessione per Occupazione di Suolo Pubblico

 

       Coloro che intendano effettuare occupazioni temporanee di spazi ed aree pubbliche per la realizzazione di feste, sagre, corse, manifestazioni di tipo sociale, culturale, religioso, di tipo sportivo, ecc. devono presentare all’ufficio Sportello Unico Attività produttive (SUAP) la domanda con i necessari allegati e la documentazione relativa all'avvenuta stipula di un contratto per il conferimento di rifiuti urbani ed assimilati, con soggetti autorizzati in base alla normativa vigente di settore, eventuale polizza fideiussoria e nulla osta impatto acustico rilasciato dal Dipartimento Tutela Ambiente.

Condizioni aggiuntive

        In caso di concessione di occupazione suolo pubblico effettuata con ombrelloni la loro stabilità dovrà essere garantita con sostegni mobili e assistita da obbligatoriamente da idonea copertura assicurativa.

        In caso di concessione di suolo pubblico all’interno di ville e parchi comunali il rilascio è subordinato, oltre a quanto già previsto dal Regolamento COSAP, alla presentazione di:


1) un contratto di pulizia dell’area interessata da stipularsi con società pubblica/privata specializzata nel settore e dovrà prevedere la pulizia dell’area entro 24 ore dal termine della manifestazione o dallo smontaggio delle attrezzature installate, con l’eventuale trasporto in discarica autorizzata dei materiali di risulta.


2) stipula di polizza fideiussoria emessa da istituto bancario/assicurativo ovvero intermediario finanziario iscritto nell'elenco speciale di cui all'art. 107 del D.Lgs. n. 385/1993 a copertura degli eventuali danni provocati ai beni e al patrimonio di Roma Capitale, secondo la quantificazione determinata dal Dipartimento Tutela Ambientale e del Verde – Protezione Civile. Gli enti no profit e/o associazioni senza scopo di lucro e/o Onlus, o associazioni iscritte negli specifici albi presso i Municipi, sono esonerati dalla presentazione della suddetta documentazione, previa  presentazione dei atto costitutivo e/o Statuto o analogo documento dal quale si evinca la natura non profit.

3) Per il rilascio delle concessioni, riguardanti ville storiche, zone sottoposte a vincolo archeologico e per zone, strade e piazze sottoposte alla tutela di cui al Decreto del Ministro dei Beni Culturali e Ambientali del 3 giugno 1986 (comunemente noto come Decreto Galasso) devono essere acquisiti preventivamente gli ulteriori pareri della Sovrintendenza ai Beni Archeologici e Monumentali di Roma e della Sovrintendenza per i Beni Ambientali ed Architettonici di Roma, del Servizio Giardini, secondo le rispettive competenze .

OSP PERMANENTE

       E' permanente l'occupazione autorizzata, in base ad una concessione con effetto permanente, per l'intero anno, oppure per un periodo ricorrente di almeno 60 gg per due anni consecutivi.

DOCUMENTAZIONE NECESSARIA

 

Domanda

Autorizzazione

OSP

 

- Cartografia d'insieme

 

- Localizzazione

 

- Planimetrie

in scala 1:200, 1:500

 

- Pianta, Prospetti e Sezioni  

in scala 1:100, 1:50

- Particolari di dettaglio e arredi

in scala 1:50

 

- Relazione Tecnica

 

- Fotografie

frontali e panoramiche

 

- Dati della ditta e del titolare

 

- Pagamento

dei diritti

 

- Asseverazione tecnica

 

TEMPISTICHE

 

- Generale

I tempi di rilascio della concessione all'Occupazione dello Spazio Pubblico corrispondono ad un termine massimo di 30 gg, che decorrono dalla consegna della pratica o a seguito della sua integrazione, se consegnata incompleta.

- Città Storica

I tempi di rilascio della concessione all'Occupazione dello Spazio Pubblico, nella Città Storica corrispondono  ad un termine massimo di 60 gg, che decorrono dalla consegna della pratica o a seguito della sua integrazione, se consegnata incompleta.

I tempi sono radoppiati poichè è necessaria l'acquisizione di più pareri.

Come ottenere l'autorizzazione per l'OSP?

       Per ottenere l'autorizzazione al'Occupazione del Suolo Pubblico è necessario presentare la Domanda di Autorizzazione completa di generalità, denominazioni, superficie e durata dell'occupazione.

       Il cuore della pratica è costituito dagli elaborati tecnici, da allegare alla domanda. Si deve infatti non solo descrivere in planimetria, sezione e dettaglio l'occupazione, ma è necessaria l'asseverazione di un ingegnere che verifichi e renda conforme la domanda e gli elaborati allegati, ai limiti tecnici e legislativi, siano essi soggettivi o oggettivi.

Chi può fare domanda per l'autorizzazione all'OSP?

La domanda di autorizzazione all'Occupazione dello Spazio Pubblico può essere promossa da:

  • Titolari di esercizi di somministrazione di alimenti e bevande, sono gli unici soggetti che possono richiedere l'autorizzazione ad occupare il suolo pubblico con tavoli, tende ed ombrelloni. Tale possibilità è consentita anche ad esercizi in cui l'attività si somministrazione sia prevalente, anche se non corrisponde all'unica attività svolta.

  • Titolari di esercizi commerciali in genere, possono fare domanda per l'Autorizzazione ad occupare lo spazio pubblico, con occupazioni funzionali all'esercizio dell'attività che non costituiscano un mero apliamento della superficie di vendita.

  • Commercianti che svolgono l'attività su area pubblica e non su sede propria (ambulanti).

  • Soggetti pubblici e privati in generale, associazioni , istituzioni religiose ecc.

  • Soggetti pubblici e privati possono fare domanda per l'Autorizzazione ad occupare lo spazio pubblico per svolgere lavori edili e/o installare dei ponteggi. Alcune situazioni ricadenti in questa casistica (es. ristrutturazione delle facciate) godono di notevoli riduzioni sul canone COSAP; condizioni di interesse pubblico o urgenza possono portare anche all'azzeramento del COSAP.

Subentri e modifiche | Occupazione suolo pubblico

       Sono vietati, pena la nullità, la sub concessione o il trasferimento a qualsiasi titolo della concessione, salvo i seguenti casi:

  • Variazione della titolarità o della gestione di un'attività, a patto che l'occupazione rimanga invariata.

  • Successione nella prosperità o di ogni altro diritto reale di godimento sul bene immobile, a patto che l'occupazione rimanga invariata.

       Il subentrante che intenda mantenere l'occupazione esistente, ha l'obbligo di attivare entro 15gg dalla variazione, il procedimento di rilascio della nuova concessione, proponendo l'apposita domanda dotata di tutti gli allegati tecnici al pari di una richiesta di autorizzazione dal nuovo. E' importante specificare che non è scontato che la nuova richiesta di autorizzazione, anche se identica alla precedente, venga accettata o venga accettata alle medesime condizioni; di fatto è una concessione nuova, che potrebbe essere velocizzata dalla presenza della vecchia concessione, ma deve attenersi alle disposizioni vigenti.

       Il concessionario può chiedere la modifica dell'occupazione con apposita domanda; la modifica può riguardare la superficie occupata (in maggiorazione o diminuzione) oppure la modifica degli arredi rispetto alla concessione originaria.. A modifica accettata l'Ufficio indicherà l'ammontare del nuovo COSAP.

Canone COSAP - di occupazione suolo pubblico

      il canone dovuto dal titolare della concessione all’occupazione varia a seconda della tipologia dell'occupazione e della zona. Il valore totale è commisurato all'estensione delloccupazione.

Occupazione TEMPORANEA

il canone prevede delle tariffe giornaliere al mq o metro lneare, differenziate per categoria (in base alla zona ed alla via) che andranno moltiplicate per appositi coeffiicenti riferiti alla tipologia di attività.

Occupazione PERMANENTE

Il canone prevede delle tariffe annue al mq o metro lneare, differenziate per categoria )in base alla zona ed alla via) che andranno moltiplicate per appositi coeffiicenti riferiti alla tipologia di attività. Chiaramente le tariffe delle occupazioni permanenti sono più convenienti rispetto alle tariffe giornaliere delle occupazioni temporanee, inoltre possono essere rateizzate.

Le tariffe vengono calcolate e comunicate dal SUAP in relazione  a quanto consegnato nella richiesta di concessione. Sono possibili delle tariffe ridotte del 20% o 50% in una casistica molto limitata.

Pareri preventivi OSP | Roma

     Seppur ci sia una regolamentazione tecnica e procedurale comune su tutto il territorio di Roma, ogni situazione è a se, in virtù dei vincoli dimensionali, regolamentari e delle condizioni ai contorni. Alcune zone (es. Centro Storico e/o vie definite "Salotti della Città")  possono prevedere dei vincoli molto più impattanti e limitanti; infatti il rilascio di tutte le concessioni di suolo pubblico è subordinato all'acquisizione, da parte dell’Ufficio Comunale competente, del parere preventivo della Polizia Municipale. In aggiunta a tale parere, da considerarsi obbligatorio, l'Ufficio Competente a seconda del caso e della zona può richiedere anche il parere:

1) del Servizio Giardini

per l’occupazione, permanente e temporanea, di spazi ed aree pubbliche destinate a giardino

2) della Sovrintendenza ai Beni Culturali del Comune di Roma

quando le occupazioni di suolo pubblico interessano ville, palazzi, manufatti con interesse storico archeologico, nonché zone, strade e piazze con valore artistico e paesaggistico-ambientale

3) del Dipartimento Politiche della Mobilità

per le occupazioni che ricadono sulle sedi stradali della viabilità principale, sulle aree tariffate e sulle strade percorse da linee del Trasporto Pubblico di Linea, ove consentito

4) dell’Ufficio per la Città Storica e della Sovrintendenza ai Beni Culturali del Comune di Roma

per il rilascio di concessioni per occupazione di suolo pubblico, sia permanente che

temporanea, ricadenti nel territorio della Città Storica; per il rilascio delle concessioni, sia temporanee che permanenti, riguardanti ville storiche, zone sottoposte a vincolo archeologico e per zone, strade e piazze sottoposte a tutela.

      I pareri devono essere comunicati all'Ufficio Comunale richiedente entro 20 giorni

dal ricevimento della richiesta

Occupazione abusiva e penalità

L'occupazione è considerata abusiva quando:

  • viene attuato senza il rilascio dell'atto di concessione

  • eccede lo spazio autorizzato dalla concessione

  • non viene rimossa alla scadenza, estinzione o modifica della concessione

Il quadro sanzionatorio prevede:

  • il pagamento dell'indennità pari al canone annuo maggiorato del 50%

  • la sanzione amministrativa pari al 200% del canone annuo

  • il pagamento degli interessi sul canone

  • eventuali sanzioni riferite ad infrazioni legate al codice della strada, se l'occupazione coinvolge la sede stradale

  • a seguito del verbale, ordine di ripristinare immediatamente i luoghi a proprie spese

  • a seguito di una condotta reiterata e diffida, la sospensione dell'attività per alcuni giorni.

Contatto
Contatto
Contatto
  • LINKEDIN | PRATICHE EDILIZIE ROMA
  • FB | PRATICHE EDILIZIE ROMA
  • PRATICHE EDILIZIE ROMA | PINTEREST
  • PRATICHE EDILIZIE ROMA | GOOGLE
  • PRATICHE EDILIZIE ROMA | YELP
  • TWITTER | PRATICHE EDILIZIE ROMA
  • YOU TUBE | PRATICHE EDILIZIE ROMA

TEL.        06 211 280 96

EMAIL      info@praticheEdilizieRoma.com

FAX.         06. 21113746

P.IVA        IT13637311005

Solo su

appuntamento

PRATICHE EDILIZIE ROMA

ING. PETROVAI OCTAVIAN

Viale Castro Pretorio 58, 00185, ROMA

TERMINI | CASTRO PRETORIO